Lettera al tempo del Coronavirus